sabato 10 novembre 2018

SABATO 1 DICEMBRE: FEDERICO SIRIANNI..."IL SANTO"


Presentazione del bel cd, "Il Santo" con Matteo Castellan alla fisa

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
mangiare bene rispetta il nostro corpo e fa venir da ridere

SABATO 24 NOVEMBRE: LUIGI CATUOGNO E I MANDOLINI FRA I TAVOLI (La Posteggeria)




LA POSTEGGERIA

Fabio Biaggi: Voce mandolino
Roberto Palumbo: mandolino
Eugenio Palumbo: mandolino
Luigi Catuogno: chitarra classica

Cos’è la posteggia napoletana? E’ un complesso musicale ambulante o anche il luogo dove si ferma a suonare un complesso musicale.
La parola posteggia deriva, naturalmente, da “puosto” che è il luogo occupato da chi svolge un’attività che è rivolta al pubblico. 
I venditori ambulanti, ad esempio, occupano un posto fisso sulla pubblica via per cui è facile parlare di “ ‘o puosto d’ ‘o verdummaro” o di altri venditori.
 Alla fine della prima guerra mondiale, a Napoli vi erano ancora moltissimi posteggiatori, tanto che non vi era una trattoria senza la presenza di questi suonatori ambulanti, che rallegravano l’ambiente con le più famose canzoni napoletane e la musica di chitarre e mandolini.
Il quartetto “La posteggeria” si propone di far rivivere questa tradizione che ormai si è persa nel tempo a causa dello svilupparsi dei mezzi di diffusione sonora. Tradizione ma non solo.. amore, voglia di condividere la bellezza della musica e dello stare insieme, avvolti da quell’antico suono che non riesce a diventare vecchio.
Il repertorio spazia dai classici della Canzone Napoletane e Romana alle serenate, alle canzoni goliardiche e da osteria, ai funambolici virtuosismi delle tarantelle.
Tutti i componenti del gruppo da anni sono impegnati in attività di studio e diffusione delle musica popolare e accademica legate al mandolino e alla chitarra classica.

Alcuni brani in repertorio:

‘o Surdato nnamurato
A tazza e cafè
Dduje paradise
Roma nun fa la stupida stasera
Arrivederci Roma
Reginella
Czarda di Monti
Tarantella Rossini

Youtube video: https://www.youtube.com/watch?v=h_1-DX0fJLc&t=14s

mercoledì 5 settembre 2018

PROGRAMMA PER L'AUTUNNO/INVERNO 2018



PROGRAMMA PER L'AUTUNNO


 

Sabato 24 novembre: LUIGI CATUOGNO e i mandolini fra i tavoli (niente amplificazione)

Sabato   1 dicembre: FEDERICO SIRIANNI presenta il suo  bel cd "Il Santo"

Venerdi  7 dicembre: "ma ti ricordi JOHN LENNON?

Sabato   8 dicembre: il blues dei KING BISQUIT TIME 

Sabato 15 dicembre: VLADI BLUES BAND tra E.Capton e J.J.Cale  

Buon Natale 😉

Lunedì 31 dicembre: capodanno con le musiche di Ghandi a 30 euro tutto compreso anche il bere e lo spumante di mezzanotte. Menu' senza carne.

mangiare bene rispetta il nostro corpo

giovedì 4 settembre 2014

Masanobu Fukuoka


“Le persone non stanno più a piedi nudi sulla terra. Le loro mani si sono allontanate dall’erba e dai fiori, non guardano il cielo e sono sordi ai canti degli uccelli, le loro narici sono diventate insensibili a causa dei fumi dei tubi di scappamento, le loro lingue e il palato hanno dimenticato i sapori semplici della natura. I cinque sensi si sono sviluppati isolati dall’ordine naturale delle cose. La gente si è allontanata due o tre scalini dall’essere davvero umani. Il vero godimento e le delizie dell’uomo erano un estasi naturale. Questo esiste solo nella natura e svanisce lontano dalla terra. Un ambiente naturale non può esistere fuori dalla natura e così l’agricoltura dovrebbe essere il fondamento della vita. Il ritorno della gente al campo per coltivare la terra e creare villaggi di esseri umani veri è il cammino da seguire per la creazione di città e nazioni ideali.”


Masanobu Fukuoka.


mangiare bene fa bene alla salute e allo spirito!

mercoledì 12 giugno 2013

COME ARRIVARE AL POSTO CASTELLO

 

da Illasi: 

arrivati alla piazza del Municipio di Illasi si prosegue tenendo il Comune a sinistra e la Chiesa sulla destra. 

Ci si immette in un viale alberato con cipressi iniziando a salire, seguendo i cartelli posti a sinistra, all'inizio della salita che indicano CASTELLO e TRABUCCHI.
 
Dopo 2 tornanti (il secondo dei quali con una grande croce illuminata, se accesa) si percorre una specie di rettilineo di circa 700 metri in fondo al quale c'è un muretto con un capitello dedicato alla Madonna.


Si è obbligati a girare a sinistra seguendo la strada principale e dopo 20 metri si imbocca la prima strada a sinistra (in salita) passando di fianco ad una casa abbandonata (a destra) e ad un muro (a sinistra) , direzione CASTELLO (c'è un cartello sulla sinistra che la indica e siete in località MONTE TENDA con relativo cartello).


Appena fuori dalla piccola salita di strada asfaltata di circa 50 metri si vede, sulla sinistra, il Castello illuminato, ed è una gran bella visione!

Dopo di che la strada diventa bianca (una delle ultime) ricoperta di ghiaia e sassi mentre a sinistra ci sono vigne e a destra ci sono piante di olivo e poi ancora vigne (a sinistra) e ciliegi (a destra) fino ad una biforcazione. 


Trovate un grande spiazzo sulla sinistra e il Castello di Illasi illuminato davanti a voi.
Si parcheggia nello spiazzo e si percorre a piedi la stradina in leggera discesa oltrepassando la transenna che impedisce il passaggio delle macchine.

50 metri a piedi (se non piove altrimenti si parcheggia in corte) e siete arrivati.
Benvenuti!

da Soave

dopo Soave e Costeggiola, prima del paese di Cazzano di Tramigna, 50 metri dopo il distributore di benzina CIP che si trova sulla destra, si trova una vecchia cabina dell'Enel sulla sinistra.

Si gira intorno alla cabina e si prosegue in salita.

Dopo 8 tornanti si arriva sul culmine della collina in LOCALITA' MONTE TENDA e si trova VILLA TRABUCCHI sulla sinistra.

Si gira subito a destra in una strettoia con una strada leggermente in salita seguendo il cartello CASTELLO e passando tra una casa abbandonata (a destra) e un muro (a sinistra).

Appena fuori dalla piccola salita di strada asfaltata di circa 50 metri si vede, davanti sulla sinistra, il Castello illuminato, ed è una gran bella visione!

Dopo di che la strada diventa bianca (una delle ultime strade bianche) ricoperta di ghiaia e sassi mentre a sinistra e a destra ci sono vigne e piante di Olivo.

Proseguendo si trovano piante di olivo (a destra e a sinistra), ciliegi (a destra) e vigne (a sinistra) fino ad arrivare, dopo poco, ad una biforcazione.

Si trova un grande spiazzo illuminato sulla sinistra e il Castello di Illasi davanti a voi.
Si parcheggia nello spiazzo e si percorre a piedi la stradina in leggera discesa oltrepassando una transenna che impedisce il passaggio delle macchine (il cartello applicato sulla transenna con scritto "privato, vietato il passaggio" non riguarda voi.)

50 metri a piedi (se non piove altrimenti si parcheggia in corte) e siete arrivati.
Benvenuti!


l'alimentazione è il vero farmaco del futuro  (citazione)